La “maratona” di S.Valentino

S.Valentino: un  appuntamento con la propria matrice più profonda. Questo è per Terni l’evento più importante dell’anno, la festa del Patrono. Terni si veste dei suoi fiori migliori, si riempie di cuori e innamorati che si scambiano il voto di reciprocità all’ombra dell’urna del Santo, di figli, pellegrini e turisti che, affascinati dal mito del Santo Vescovo, percorrono la città e ne visitano i luoghi d’attrazione.??????????

Quest’anno, tra gli animatori dell’evento, anche dei ciceroni in erba: i ragazzi del “Federico Cesi”, storico Istituto Tecnico della provincia. Gli studenti della sezione D turistico hanno partecipato alla “Maratona di san Valentino”, con un percorso di affiancamento che iniziava a bordo del trenino messo a disposizione per l’occasione dall’Atc, dove due ragazze, Deviola Cekaj e Bhupinder Kaur, accoglievano pellegrini e turisti narrando in italiano e inglese la storia del Santo, della sua importanza per la città e del luogo che accoglie le sue spoglie, la Basilica di S.Valentino, lodate da scolaresche e turisti per la loro preparazione; l’affiancamento seguiva i pellegrini anche nel loro sciamare lungo la “fiera” che si snocciolava per ogni angolo della città, dai parchi a ridosso della Basilica ai punti centrali della maratona. Contemporaneamente, lungo la Cascata delle Marmore, Narni medievale e sotterranea, Francesca Dini, Maria Presti, Miriana Agnelli, Martina Falocco, Kamal Singh e Sabrina Sperandei supportavano le guide locali con il loro lavoro di interpretariato. Grande l’entusiasmo dei ragazzi che, guidati con competenza dai docenti, in primis dalla prof. Laura Stocchi (contemporaneamente impegnata per il Cesi nel progetto “Ville storiche di Piedimonte”), hanno scoperto il piacere di  presentare le bellezze della loro città, una città che sta lentamente scoprendo l’opzione turistica come una opportunità fondamentale per sollevarsi dalla grave crisi economica che la opprime.??????????

Erroneamente sottovalutata per decenni, Terni è invece una città ricca di storia e di arte, distrutta per ben otto volte dalle invasioni barbariche e dalle più recenti incursioni aeree della II Guerra Mondiale, ma immersa in un contesto romano-medievale di raro pregio, con la più alta cascata d’Europa e una rete di invidiabili percorsi dal sacro al profano: dal percorso conventuale Francescano, a quello gastronomico e sportivo. A soli 50 minuti di Treno da Roma, poco più di un’ora dai due mari, due ore da Firenze e Napoli, Terni vanta una rete agrituristica di tutto rispetto a costi  concorrenziali e ha una fucina di potenziali talenti organizzativi e culinari con ben due scuole a questo dedicate.??????????

Manca solo un tassello: una serie di “pacchetti” tutto compreso, confezionati ad hoc, che invitino turisti locali e non ad “assaggiare” e “degustare” la patria di S.Valentino. Perché non una start-up di giovani talenti turistici gestita con  moderne tecniche di web-marketing? L’invito è lanciato…

By Prof.ssa Laura Vismara

??????????

Questa voce è stata pubblicata in Turismo e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...