Concorso letterario “Certamen deleddiano” – Nuoro

  Locandina Certamen Deleddiano”

La scrittrice in costume tradizionale nuorese

Intervista impossibile dodici domande alla scrittrice Grazia Deledda:

Presentazione

 Buongiorno sono Veronica Spitelli con le mie compagne Paccara Maria Laura e Fiori Michela della 5I e  Timofte Petronela della 3A abbiamo partecipato e vinto il primo certame deleddiano, seguite dalla professoressa Graziella Onida, Emanuele Capicci, Rita Pepegna e Antonella Bellelli.

Il lavoro, che ha ricevuto una menzione speciale, comprendeva un video intervista impossibile alla scrittrice correlata di rivista cartacea e per questo evento siamo state invitate insieme alla professoressa Onida, alla premiazione tenutasi al Museo Etnografico di Nuoro il giorno 10 dicembre 2011. Il soggiorno, durato tre giorni, prevedeva una visita ai luoghi principali del paese e dei parchi e musei dedicati ai letterati del posto e in particolare ai luoghi deleddiani. Il Museo Etnografico sardo è l’unico istituto museale di diretta emanazione della regione sarda che rivolge la sua attività di documentazione e ricerca all’intero territorio.

Casa Museo di Grazia Deledda

Il pomeriggio dopo la premiazione è stata molto interessante la visita guidata al Museo Deleddiano che ha sede nella casa natale della scrittrice nuorese Grazia Deledda (1871-1936). La casa risale alla seconda metà dell’Ottocento; situata a San Pietro, il rione dei pastori che con Seuna

Camera da letto

costituisce il più antico agglomerato della città, è un esempio di abitazione nuorese del ceto benestante. L’edificio si sviluppa al piano terra in quattro ambienti posti su livelli diversi, attraverso i quali è possibile accedere alle corti interne, separate da un alto muro:

Museo Etnografico

quella laterale, porticata, quella posteriore, più ampia, resa suggestiva dall’inattesa presenza di due grandi lecci secolari e dalla quinta del monte Ortobene.

Grazia Deledda vi abita fino al giorno delle nozze, avvenuta l’11 gennaio del 1900. Nel 1901 la scrittrice si stabilisce definitivamente a Roma. Nel 1913 la casa viene venduta. I nuovo proprietari, evitano che subisca radicali trasformazioni. Dichiarato nel frattempo monumento nazionale, l’edificio viene acquistato nel 1968 dal comune di Nuoro, che a sua volta cede all’Istituto Superiore Regionale Etnografico nel 1979.

Museo Etnografico

La casa dell’arte si trova a Nuoro e si chiama MAN

Il Museo d’Arte sorge nel centro storico della città  al n 8 di piazza Sebastiano Satta il grande poeta nato e vissuto in questi luoghi.La piazza è lastricata con il granito del Monte Ortobene,la montagna che domina e protegge la città.Lo spazio è stato progettato nel 1967 dall’architetto e scultore Costantino Nivola che lo ha disseminato di grandi massi provenienti da questo monte, “abitati”da piccole e preziose statuette di bronzo.Tutto intorno,la casa del poeta,una scuola,un edificio color rosa antico e il Museo d’arte della provincia di Nuoro che in soli 10 anni è diventato il Man un piccolo gioiello che dal cuore della Sardegna , anzi della Barbagia,si è conquistato ammirazione e stima in Italia e soprattutto all’estero.Il museo espone permanentemente opere di artisti sardi   del Novecento  ma questa collezione ogni tanto finisce in magazzino per far posto ad altre opere di artisti italiani e stranieri che rendono questo posto vivo ed unico.Attualmente si può ammirare una bella mostra di fotografie di Henri Cartier Bresson  che negli anni successivi alla seconda guerra è stato anche in Sardegna e ne ha immortalato paesaggi , uomini e una realtà che forse non c’è più . Nuoro conta 35.000 abitanti e il suo

museo d’arte registra 50.000 mila visitatori l’anno , tante persone che si lasciano attrarre dalle sale ricche di opere d’arte del Man . Nel 2006 il Ministero dei Beni culturali lo ha dichiarato “luogo d’eccellenza nel panorama museale italiano”

Man

Questa voce è stata pubblicata in Italiano, Progetti, Visite guidate. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...