Perugia

25/11/10 appunti dalle lez. della Prof.ssa Paoli

Sito:luogo fisico in cui sorge la città

Pianta: rappresentazione grafica del tessuto urbano dove vengono rappresentate case e strade

Forma : profilo della città

 SITO: Perugia sorge su due colli: colle del Sole e colle del Andone

Colle del Sole: 493 m sul livello del mare; tra colle del Sole e colle del Andone passa Corso Vannucci. I due colli sono circondati da grande Vallata: verso est valle del Tevere, verso Ovest piana del lago Trasimeno.

 PIANTA: tentacolare cioè la città si allunga sui fianchi dei colli

 FORMA: è il risultato della storia e delle funzioni che ha svolto la città nel tempo.

Perugia medioevale era una città mercantile, che batteva moneta tanto che c’era il cambio con le città vicine.

(Le città comunali erano città –stato: più erano potenti più avevano capacità di battere moneta (coniare moneta).)

 Perugia è una città etrusca . Gli Etruschi avevano costruito una cinta muraria rimasta fino al medioevo (dal V –IV sec. A.C.fino al 1200 d. C. cioè per 1200 anni)  Gli Etruschi avevano raggiunto la massima espansione creando 5 porte che sono tutt’oggi visibili, alcune sono state ristrutturate, sono invece originali:  Largo Etrusco, Porta Marzia, Porta Eburnea.

L’arco etrusco è a tutto sesto, quello gotico ha una cuspide centrale.

 Nel I sec. Perugia viene occupata dai romani che iniziano a convivere  con gli etruschi tanto che nell’amministrazione i romani consentono agli etruschi di rimanere come funzionari.

In età romana Perugia contribuirà alla difesa di Roma, nota è la battaglia del Trasimeno, per questo Augusto la chiamerà  “Augusta Perusia”.

Della Perugia romana rimane pochissimo perché attraversa un periodo di decadenza con le invasioni barbariche: viene saccheggiata dai Goti, occupata dai Bizantini e dai Longobardi.

 Si riprende intorno al 1100-1200 quando diventa COMUNE (quello comunale è un periodo in cui l’organizzazione politica e amministrativa è autonoma con al potere i rappresentanti del popolo).

 La Perugia comunale acquista le caratteristiche del borgo medioevale, nascono infatti i palazzi: Palazzo di Priori, il Collegio del Cambio; le chiese: la cattedrale di S. Lorenzo, opera rimasta incompiuta perché iniziarono le guerre tra le varie famiglie della città.

Al  centro di Piazza dei Priori c’è la Fontana Maggiore con le sculture di Nicola Pisano: la fontana è una delle più  belle espressioni medioevali della vita degli uomini (le formelle rappresentano il lavoro nei vari mesi dell’anno, le statuette rappresentano le 7 arti liberali, la filosofia, episodi dell’antico testamento, il Grifo e il Leone)

Perugia è divisa in 5 rioni ciascuno con una chiesa e una confraternita: la chiesa di S. Francesco e la confraternita francescana, la chiesa di S. Domenico e la confraternita dei domenicani…

 Perugia a metà del ‘300 diventa centro culturale, nasce nel 1308 l’Università una delle prime d’Italia tanto che studiosi di tutta Europa giungevano a Perugia.

Poi arrivarono le Signorie ( dopo il comune va al potere la famiglia più forte, cioè si passa dal potere del popolo al potere di una sola famiglia).la famiglia più importante era la Famiglia Baglioni.

Intorno al 1500 c’è il contrasto tra Stato Pontificio e Perugia: ci sarà la guerra del sale perché Paolo II aveva messo la tassa sul sale, elemento importantissimo per la conservazione dei cibi, e il popolo si ribella, ma Paolo Farnese distrugge la casa dei Baglioni e ci fa costruire la Rocca Poalina. I Perugini odieranno questo papa e la rocca sarà con gli anni gradualmente demolita fino all’arrivo di Garibaldi la distruggerà del tutto, attualmente di fronte alla Rocca c’ Piazza Italia e i palazzi neoclassici.

 LA  RETE Urbana: la rete è fatta di nodi e maglie; la rete urbana è un insieme delle città (nodi)  di un territorio collegate da vie di comunicazione, strade ferroviarie, aereoporti e da flussi di merci, di persone, e informazioni che costituiscono le maglie della rete.

La rete urbana può essere:

Rete monopolare:in un territorio c’è una grande città che domina tutte le altre.

Rete policentrica:ci sono più città tutte dello stesso livello, dello stesso numero di abitanti, stessi servizi (Veneto).

Rete di gerarchia: ci sono due città più importanti delle altre (Umbria).

Questa voce è stata pubblicata in Geografia, Visite guidate. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...